Nr. 1 del Registro degli Organismi di Mediazione del Ministero della Giustizia

Faq

Benvenuti alla pagina FAQ Mediazioni, dove troverete risposte alle vostre domande più comuni sulla gestione delle mediazioni.

Qui, abbiamo organizzato le FAQ per argomenti principali, tra cui il processo di deposito della domanda, le modalità di partecipazione, gli incentivi fiscali disponibili e molto altro ancora.

Che si tratti di chiarimenti sulle procedure o di informazioni su come ottenere il massimo dalle vostre mediazioni, siamo qui per fornirvi tutte le risposte di cui avete bisogno per affrontare con successo questo importante processo.

Benvenuti alla pagina FAQ Mediazioni, dove troverete risposte alle vostre domande più comuni sulla gestione delle mediazioni.

Qui, abbiamo organizzato le FAQ per argomenti principali, tra cui il processo di deposito della domanda, le modalità di partecipazione, gli incentivi fiscali disponibili e molto altro ancora.

Che si tratti di chiarimenti sulle procedure o di informazioni su come ottenere il massimo dalle vostre mediazioni, siamo qui per fornirvi tutte le risposte di cui avete bisogno per affrontare con successo questo importante processo.

SCEGLI IL TEMA

Come posso depositare una domanda di mediazione?

Il deposito può avvenire direttamente online sulla piattaforma  https://odr3.adrcenter.com , con la possibilità di firmare la domanda di mediazione in modalità digitale o analogica.

Quali sono i vantaggi del deposito online di una domanda di mediazione?

Mediante il deposito online della domanda di mediazione sarà possibile avere accesso a tutte le informazioni, documenti e verbali delle procedure pendenti e archiviate; effettuare i pagamenti online delle spese e delle indennità di mediazione; gestire la fatturazione e la documentazione necessaria per la richiesta del credito d’imposta; partecipare alle sessioni online della procedura all’interno della stessa piattaforma; ricevere i promemoria degli incontri con tutte le informazioni necessarie.

Quando si considera formalizzato il deposito?

Il deposito della domanda di mediazione si considera formalizzato solo una volta invita la domanda di mediazione debitamente sottoscritta ed effettuato il pagamento delle spese di avvio e di primo incontro.

Chi provvede a comunicare alla controparte l’avvenuto deposito della domanda di mediazione?

La domanda di mediazione, la designazione del mediatore, la sede e l’orario dell’incontro, le modalità di svolgimento della procedura, e la data del primo incontro e ogni altra informazione utile sono comunicate alle parti, a cura di ADR Center, con ogni mezzo idoneo ad assicurarne la ricezione.

Quando dura una procedura di mediazione?

Il procedimento di mediazione ha una durata non superiore a tre mesi, prorogabile di ulteriori tre mesi dopo la sua instaurazione e prima della sua scadenza con accordo scritto delle parti. Detto termine decorre dalla data di deposito della domanda di mediazione o dalla scadenza del termine fissato dal giudice per il deposito della stessa e non è soggetto a sospensione feriale.

Dove trovo il modulo di adesione?

L’adesione avviene unicamente online alla pagina https://odr3.adrcenter.com/conferma-adesione  mediante accesso con apposito codice ricevuto con la convocazione.

Quando si considera formalizzate l’adesione?

L’adesione si considera formalizzata solo una volta sottoscritto il modulo di adesione ed effettuato il pagamento delle spese di avvio e di primo incontro.

Quando viene inviato il link per la videoconferenza per il primo incontro?

Il link per lo svolgimento dell’incontro in videoconferenza viene inviato a ridosso dell’incontro (12-24 ore prima), previa adesione formale alla procedura e richiesta di svolgimento in modalità online.

Chi deve partecipare agli incontri di mediazione?

Agli incontri di mediazione le parti devono partecipare personalmente. Solo in presenza di giustificati motivi possono delegare un rappresentante a conoscenza dei fatti e munito dei poteri necessari per la composizione della controversia. I rappresentanti di persone giuridiche devono essere a conoscenza dei fatti e muniti dei poteri necessari per la composizione della controversia. Nelle materie di cui al comma 1 dell’art. 5 del Dlgs. 28/10 e nelle mediazioni delegate dal giudice, le parti devono essere assistite da un avvocato.

Quando occorre la procura speciale?

La procura speciale è un atto a cura di parte e occorre quando la parte non sia in grado di presenziare personalmente all’incontro per giustificati motivi. La procura deve essere un atto che conferisce poteri sostanziali al delegato con esplicito riferimento alla procedura di mediazione (indicazione delle parti e del protocollo della procedura).

Quando è necessaria la procura notarile?

La procura notarile è necessaria unicamente per mediazioni che riguardano trasferimenti di beni immobili e diritti reali in generale.

È possibile che in una procedura di mediazione una o più parti partecipino personalmente e altre in videoconferenza?

Si, secondo il D. Lgs. n. 28 /2010 è possibile che la mediazione si svolga anche in modalità mista.

Quali sono le sanzioni per la mancata partecipazione in mediazione per la parte convocata?

Dalla mancata partecipazione senza giustificato motivo al primo incontro di mediazione il giudice può disporre tre tipi di sanzioni cumulative: 1) desumere elementi di prova nel successivo giudizio ai sensi dell’articolo 116 del codice di procedura civile; 2) condannare al versamento all’entrata del bilancio dello Stato di una somma corrispondente al doppio del contributo unificato dovuto per il giudizio; 3) condannare la parte soccombente in giudizio al pagamento in favore della controparte di una somma equitativamente determinata in misura del massimo delle spese del giudizio maturate dopo la conclusione del procedimento di mediazione. 

Quali sono le sanzioni per la Pubblica Amministrazione per mancata partecipazione in mediazione?

Nel successivo giudizio, il giudice deve trasmettere copia del provvedimento delle sanzioni adottate nei confronti di una pubblica amministrazione per la mancata partecipazione senza giustificato motivo al pubblico ministero della Corte dei Conti.

Quali sono le sanzioni per i soggetti vigilati da autorità indipendenti come banche, assicurazioni, operatori di servizi per mancata partecipazione in mediazione?

Nel successivo giudizio, il giudice deve trasmettere copia del provvedimento adottato nei confronti dei soggetti vigilati alle ‘autorità di vigilanza competente come IVASS, Banca d’Italia, Agcom, etc.

Quando deve essere effettuato il pagamento delle indennità?

Ciascuna parte, al momento della presentazione della domanda di mediazione o al momento dell’adesione, corrisponde all’Organismo, oltre alle spese documentate, un importo a titolo di indennità comprendente le spese di avvio e le spese di mediazione per lo svolgimento del primo incontro. Il preventivo delle spese può essere calcolato al seguente pagina  https://www.adrcenter.it/mediazione-informazioni/preventivo/

Come si calcolano le spese di avvio?

Le spese di avvio sono dovute da ciascuna parte (istante e/o convocato), mentre la spese di primo incontro e per gli incontri successivi sono dovute per centri di interesse.

Perché gli scaglioni delle spese di avvio sono diversi da quelli delle indennità per gli incontri successivi?

L’art. 28 del DM 150/23 prevede espressamente gli scaglioni delle spese di avvio e di primo incontro, che sono diversi da quelli di cui alla tabella A relativi agli incontri successivi al primo.

Dove posso trovare la fattura del pagamento effettuato per una procedura di mediazione?

Le fatture relative alle indennità di mediazione sono elettroniche ed è possibile trovarle nel proprio cassetto fiscale sul sito dell’Agenzia delle Entrate.

Quali sono i vantaggi fiscali?

Tutti gli atti, documenti e provvedimenti relativi al procedimento di mediazione sono esenti dall’imposta di bollo e da ogni spesa, tassa o diritto di qualsiasi specie e natura.

A quanto ammonta l’esenzione dall’imposta di registro degli accordi in mediazione?

Il verbale contenente l’accordo di conciliazione è esente dall’imposta di registro entro il limite di valore di 100.000 euro, altrimenti l’imposta è dovuta per la parte eccedente.

Come avviene la presentazione della domanda di attribuzione del credito di imposta?

La domanda deve essere presentata online tramite l'apposita piattaforma, al link https://lsg.giustizia.it/ entro il 31 marzo dell'anno successivo a quello di conclusione della procedura di mediazione.

A quanto ammonta il credito di imposta riconosciuto alle parti coinvolte nella mediazione?

Quando è raggiunto l’accordo di conciliazione alle parti è riconosciuto un credito d’imposta fino a concorrenza di € 600. Nei casi di cui all’articolo 5, comma 1, e quando la mediazione è demandata dal giudice, alle parti è altresì riconosciuto un credito d’imposta commisurato al compenso corrisposto al proprio avvocato per l’assistenza nella procedura di mediazione, nei limiti previsti dai parametri forensi e fino a concorrenza di € 600. E’ altresì riconosciuto un ulteriore credito d’imposta commisurato al contributo unificato versato dalla parte del giudizio estinto a seguito della conclusione di un accordo di conciliazione, nel limite dell’importo versato e fino a concorrenza di € 518,00.

Qual è il limite massimo per il credito di imposta?

I crediti d’imposta sono utilizzabili dalla parte nel limite complessivo di € 600 per procedura e fino ad un importo massimo annuale di euro di € 2.400 per le persone fisiche e di € 24.000 per le persone giuridiche. In caso di insuccesso della mediazione i crediti d’imposta sono ridotti della metà.

Come funziona il gratuito patrocinio in mediazione?

Il gratuito patrocinio in mediazione può essere richiesto solo in caso di mediazione per condizione di procedibilità. La Parte che ha diritto al patrocinio a spese dello stato deve depositare apposita istanza di ammissione anticipata presso il consiglio dell’ordine degli avvocati del luogo dove ha sede l’organismo di mediazione competente.

Come presentare una domanda di mediazione in caso di gratuito patrocinio?

Per avviare una procedura di mediazione con gratuito patrocinio è necessario depositare unitamente alla domanda di mediazione il provvedimento di ammissione in via anticipata. In caso di accordo, l’ammissione è confermata, su istanza dell’avvocato, dal consiglio dell’ordine che ha deliberato l’ammissione anticipata.

Quali spese di mediazione sono dovute in caso di gratuito patrocinio?

In caso di gratuito patrocinio per la mediazione, le spese di mediazione saranno coperte dallo Stato attraverso il Fondo di Solidarietà per la Giustizia. Quindi, dovranno essere corrisposte unicamente le spese vive sostenute dall’Organismo per le convocazioni delle parti, firma dei verbali, etc.